La Corte Suprema Statunitense Ha Messo Fine Al Caso Della Bristol-Myers Squibb Su Un Farmaco Per Il Trattamento Dell’ Epatite B

La Corte Suprema Statunitense Ha Messo Fine Al Caso Della Bristol-Myers Squibb Su Un Farmaco Per Il Trattamento Dell’ Epatite B

Lo scorso lunedì la Corte Suprema degli Stati Uniti ha definitivamente sbarrato la strada alla Bristol-Myers Squibb Co. nel tentativo di ristabilire la protezione brevettuale per Baraclude, un farmaco per il trattamento dell’epatite B da essa sviluppato. La Corte Suprema non ha accolto il ricorso della BMS nei confronti di una decisione della Corte di Appello, giocante a favore del rivale Teva Pharmaceutical Industries Ltd, che aveva intentato una causa contro il brevetto. Nella sentenza del giugno 2014, la Corte di Appello degli Stati Uniti confermò la decisione della corte federale del Delaware che aveva invalidato il brevetto. Il caso di riferimento è Bristol-Myers v. Teva, U.S. Supreme Court, No. 14-886. Lo scorso settembre Teva ha annunciato il lancio sul mercato del corrispondente farmaco generico.