Brevetto europeo

Un brevetto Europeo è un diritto di esclusiva valido nei territori aderenti alla convenzione di Monaco sul brevetto europeo, che sono attualmente 38. La lista degli stati è disponibile, al seguente link. L’ufficio brevetti competente è l’Ufficio Brevetti Europeo (EPO) con sedi principali a Monaco e l’Aia.

Iter di concessione

Dopo il deposito di una domanda di brevetto europea, questa viene esaminata formalmente e viene quindi eseguita da parte dell’Ufficio Brevetti Europeo (EPO) una ricerca di arte nota. Il conseguente rapporto di ricerca conterrà gli eventuali documenti pubblicati precedentemente alla data di deposito ed alcune osservazioni da parte dell’Ufficio in merito alla brevettabilità delle rivendicazioni depositate. Il titolare deve rispondere a detto rapporto di ricerca, fornendo osservazioni e nel caso limitando le rivendicazioni in modo da superare le eventuali obiezioni sollevate.

Dopo 18 mesi dalla data di deposito (o dalla data di priorità nel caso in cui sia stato rivendicato un precedente deposito in priorità) la domanda di brevetto viene pubblicata e resa disponibile mediante consultazione del sito web dell’EPO.

Successivamente, su richiesta del titolare, inizia l’iter di esame sostanziale, in cui un Esaminatore dell’Ufficio Brevetti Europeo esegue un esame di merito in relazione ai contenuti rivendicati, alla luce delle anteriorità rilevate in fase di ricerca, ed in considerazione dei requisiti di brevettabilità stabiliti dalla convenzione di Monaco sul Brevetto Europeo (EPC o European Patent Convention). A conclusione della procedura di esame, viene emessa una comunicazione di intenzione di concessione, cui è allegato il testo proposto per la concessione. Una volta che il testo viene approvato dalla titolare, l’EPO procede alla concessione definitiva del titolo. Entro un tempo stabilito per legge, il titolare deve poi procedere alla nazionalizzazione del brevetto europeo nei Paesi aderenti, depositando in alcuni casi la traduzione di parte o dell’intero contenuto del testo concesso. In ogni caso, dalla data di concessione, parte il c.d. periodo di opposizione che dura 9 mesi, nel quale chiunque può depositare una lettera di opposizione al brevetto concesso, unitamente ad argomentazioni e documenti di arte nota rilevanti ai fini della brevettabilità. L’azione di opposizione può portare alla limitazione o alla revoca del brevetto concesso, ovvero al suo mantenimento in forma integra, a seconda della sostanzialità e della rilevanza delle informazioni fornite dall’opponente.

Tempi per la concessione

I tempi per la concessione di un brevetto europeo sono generalmente superiori ai tempi richiesti per una domanda italiana, solitamente a causa della fase di esame che caratterizza la procedura europea.

Vantaggi

Con il deposito di una domanda di brevetto Europeo è possibile richiedere la tutela brevettuale in ciascuno degli Stati che aderiscono alla convenzione di Monaco sul Brevetto Europeo, come sopra indicati.